Come si fa un pompino o fellatio

fellatio, pompino, bocchino, blowjob
Prima o poi ci capiterà di fare un pompino. Ma se non sappiamo niente rischiamo di fare danni invece di far del bene. Leggiamo qualcosa in merito...

Lo sapevi che il pompino ha anche un nome più “figo”? Il nome è “fellatio” (si pronuncia “fellàzio”). Deriva dal latino “fellare” che in italiano significa succhiare. A dimostrazione del fatto che anche duemila anni fa i nostri avi sapevano molto bene cosa è il sesso e tutti i piaceri che ne derivano… Ci sono poi gli anglosassoni che la chiamano “blowjob” e ci sono tanti altri vocaboli utilizzati allo scopo. Poiché a noi di Sidus™ piace di più il termine fellatio rispetto a pompino, bocchino e tutto il resto, in questa sede utilizzeremo il termine fellatio.
Questo articolo sarà inevitabilmente un po’ “tecnico”. Siamo sicuri che saprai aggiungere la poesia e la sensualità necessari a rendere completo il nostro lavoro.

Indice dell’articolo

    Pompino, fellatio: non ho mai fatto niente del genere

    Ok, stiamo calmi!
    Al maschio medio piace tantissimo che qualcuno prenda in bocca il proprio membro e lo trastulli con grazia e armonia. Sarà per un arcaico senso di potenza e di dominio. Chi lo sa, non importa. Importa sapere che, mediamente, all’uomo piace quel tipo di pratica.
    E va ben.
    E quindi?
    Quindi sarebbe importante imparare a utilizzarla, la tecnica.
    Ma la cosa non è per niente semplice, come si vorrebbe far credere. Non lo è perché ogni maschio ha i propri personalissimi gusti. C’è chi ama l'”irruenza” e chi la “gentilezza”. E poi c’è anche chi ama una volta l’una e la volta successiva l’altra. E poi dicono che i maschi sono “semplici”! Ma quando mai!
    Iniziamo da zero.
    In generale la parte più sensibile del pene è il glande, la zona sottostante il frenulo e, più in generale, la parte al di sopra del prepuzio quando è esposta. Ok, non ci hai capito niente. Cosa diavolo sono tutti questi nomi?

    L’immagine qui sopra ci racconta come si chiamano le parti superiori del pene che, di fatto, sono le zone più sensibili del pene.
    La prima cosa da comprendere è il tipo di fellatio che piace al partner: delicata o irruenta. Non di rado il maschio cambia necessità di volta in volta.

    TORNA ALL’INDICE

    Fellatio delicata

    In questo caso bisogna procedere con lentezza e delicatezza. I movimenti dovranno essere lenti, a volte molto lenti e la pressione esercitata sul pene dovrà essere minima, quasi uno sfiorare il pene. La zona più indicata per eseguire questo tipo di pratica è il glande e la zona sottostante il frenulo, a destra e sinistra dello stesso. Toccando delicatamente la parte a sinistra e a destra del frenulo potrebbe essere possibile scorgere un leggero rigonfiamento. Se lo si identifica è quella la parte più sensibile in assoluto. Si potrebbe “costringere” all’orgasmo un maschio semplicemente massaggiando delicatamente, quasi sfiorando, quella zona con un solo dito. La “fellatio delicata” prevede in tutti i casi movimenti lenti e molto delicati. Oltre alle dita, utili nella fese iniziale, le labbra, la saliva e la lingua svolgono un ruolo fondamentale. Le labbra dovrebbero poggiarsi appena sul glande, magari con una leggera operazione di risucchio, ma sempre lenta e delicata e andare dall’alto verso il basso e viceversa per pochi centimetri, giusto per “ingoiare” il glande. Non serve andare oltre. Il movimento di su e giù dovrebbe essere molto lento. La lingua potrebbe invece fare la differenza se, identificato il rigonfiamento sotto il frenulo di cui abbiamo parlato poche righe addietro, indugiasse abbastanza a lungo in quella zona. A volte toccando la zona con la punta, altre con tutta la lingua. È importante non eseguire la stessa operazione per troppo tempo. Non dobbiamo star lì a controllare l’orologio, per carità! Ma dopo 20-30 secondi di lingua sul prepuzio, cambiamo manovra. Altra cosa molto piacevole è spingere la pelle superficiale del pene verso il basso fino a quando non ci si accorge che la pelle non può andare più in basso. A quel punto bisogna tenere ferma la pelle tirata verso il basso e leccare il glande e il prepuzio. Il maschio dovrebbe gradire…
    Proseguire queste manipolazioni a lungo, per tutto il tempo necessario a far andare fuori di testa il maschio che, ad un certo punto, potrebbe iniziare a muovere il bacino avanti e indietro. Quello è il segnale che lo stai facendo impazzire e che vorrebbe scoparti. Niente. Non gliela dare. Continua con la solita lentezza, anzi, se vuoi farti firmare la donazione di tutti i suoi beni, rallenta i movimenti, oppure prendi tutto il pene in bocca e fermati tenendo la pelle tutta in basso. Con il tempo imparerai quando sta per venire. In questo tipo di fellatio, quella delicata, quando lui sta per venire… rallenta, rallenta, rallenta… più si avvicina l’orgasmo più devi rallentare. In questo modo prolungherai il suo piacere e otterrai uno spruzzo di sperma più intenso. Durante tutto il periodo dell’eiaculazione non devi assolutamente fermarti, né accelerare né decelerare. Devi continuare a fare quello che stavi facendo poco prima che raggiungesse l’orgasmo.

    Il miglior modo per entrare in confidenza con una fellatio? Pratica e video porno!
    Ci sono però componenti primordiali che servono come prerequisiti per ogni atto sessuale: la sensibilità e la voglia di procurar piacere. Prima della pratica e prima di qualunque articolo o video, servono tali componenti. Sono necessari per evitare che il tutto non si trasformi in un atto meccanico, lontanissimo dal sesso e dall’amore.
    Ma torniamo ai video.
    Ormai i video porno sono ovunque, non ti sarà certamente difficile trovare video in cui si effettua una fellatio. PornHub, YouPorn e infiniti altri siti web offrono migliaia di video di ogni genere. Farsi un giro su questi siti e osservare come viene effettuata una fellatio può certamente essere un aiuto, ma la cosa più importante è “sentire”. Durante un rapporto sessuale è importante “sentire” il partner, comprendere cosa piace e cosa può piacere di meno.

    TORNA ALL’INDICE

    Fellatio irruenta

    Ok, irruenza si, ma il pene è sensibile.
    Se hai un clitoride puoi capire di cosa stiamo parlando. Il clitoride è probabilmente più delicato, ma non è che puoi passare la carta vetrata sul glande! Quindi anche quando si gradisce l’irruenza durante una fellatio bisogna utilizzare tatto e cura. Pertanto diventa importante definire il livello di irruenza, ma ciò è complesso perché dipende da persona a persona. Ci sono uomini a cui piace provare dolore, magari non intenso, ma comunque dolore. Ad altri la cosa non piace per niente. Come sempre è il dialogo a definire ciò che si può fare e ciò che non si può fare. Con queste premesse cerchiamo comunque di dare un’idea di come si può fare una “fellatio irruenta”.
    Innanzitutto una fellatio non deve necessariamente essere effettuata con l’uso della bocca. Sebbene l’effetto di risucchio si può creare soltanto con la bocca, una ottima simulazione può essere effettuata anche con l’utilizzo delle sole mani. In tutti i casi quando parliamo di una fellatio irruenta o energica intendiamo che deve essere utilizzata la forza. Gentile, calibrata, ma forza. Quindi, in questo caso, è contemplato l’utilizzo dei denti e di una stretta importante del pene tra le mani. Fino a che punto affondare i denti e fino a che punto stringere il pene con le mani deve essere compreso volta per volta perché ogni persona ha le proprie sensibilità: ciò che va bene per una persona potrebbe non andar bene per un’altra.

    TORNA ALL’INDICE

    L’eiaculazione

    Ad un certo punto l’uomo potrebbe raggiungere l’orgasmo. Questo significa sperma. Non a tutti piace avere lo sperma in bocca e non a tutti piace ingoiarlo. La regola madre, in questo caso, è fare soltanto quello che ci va e mai quello che dobbiamo. Non devi ingoiare per forza. Né devi accogliere lo sperma in bocca per forza. Il concetto di “per forza” nel sesso non dovrebbe essere di casa.
    Se ti va bene accogliere lo sperma in bocca, ma non ingoiarlo, fai in modo di non affogarti quando l’uomo raggiunge l’orgasmo. Il pene potrebbe spruzzare con forza lo sperma verso l’esterno. Se, mentre ciò avviene, tu hai il pene in bocca, potrebbe accadere che lo sperma ti finisca dritto in gola! Risultato? Ti affoghi. Meglio evitare. Come? Diverse tecniche.
    Lo vuoi far venire in bocca? Benissimo, allora fai impattare lo sperma sul palato, lasciandolo poi scivolare, dolce e mansueto, in bocca e poi magari anche fuori per poi ingoiare solo ciò che ti resta in bocca, se vuoi, oppure lo puoi lasciare uscire dalla bocca per gravità, senza sputarlo (non sta bene).
    Vuoi invece che venga fuori dalla tua bocca? Allora chiedigli di avvisarti quando sta per venire e indirizza il pene in modo che lo sperma non ti finisca in faccia e, soprattutto, negli occhi (perché potrebbe pizzicare) e continua a leccare e a stuzzicare il frenulo per tutto il periodo della eiaculazione.

    Dopo il termine dell’eiaculazione il pene diventa estremamente sensibile ed è importante trattarlo con estrema delicatezza o interrompere ogni contatto per qualche secondo. Normalmente all’eiaculazione seguirà una progressiva perdita dell’erezione.

    TORNA ALL’INDICE

    Alcune regole quando fai una fellatio

    Non sputare lo sperma

    Ok, siamo d’accordo, non a tutti piace ingoiare né tenere in bocca quel liquido gelatinoso e biancastro chiamato sperma, ma non è gentile raccoglierlo tutto in bocca per poi sputare tutto in un fazzoletto o correre in bagno a sputarlo o aprire lo sportello della macchina. No. Non farlo. Semplicemente chiarisci prima la questione. Comunica che tu non gradisci né tenere in bocca lo sperma né ingoiarlo. Quindi, quando il tuo partner raggiungerà l’orgasmo, lascia lo sperma sgorgare e spruzzare un po’ dove gli pare. Puoi evitare che gli schizzi viaggino un po’ troppo in giro utilizzando il palmo della mano come tappo, per fare in modo che lo sperma sbatta contro il tuo palmo e ricada verso il pene stesso. Con il tempo imparerai altre tecniche.

    Gestisci i capelli

    Se hai i capelli lunghi e non hai il tempo e la voglia di tenerli tutti da un lato durante una fellatio, legali! Tieni al braccio, tipo braccialetto, o dove ti pare un elastico oppure una molletta in borsa in modo da tenere i capelli raccolti e impedirgli di costringerti a interrompere i movimenti durante l’atto.

    TORNA ALL’INDICE

    Alcune regole se ti fanno una fellatio

    Va bene, fino ad ora abbiamo parlato di come fare una fellatio, ma se la fanno a te? Anche tu devi avere delle attenzioni nei confronti di chi ti delizia con tale pratica.
    La prima in assoluto è avvisare quando stai per venire! Soprattutto se il partner non ama lo sperma in bocca, ma comunque in tutti i casi, devi avvisare quando stai per venire! Lo devi fare! Ripetiamo insieme: “lo devo fare”.
    Gli occhi! Evita con estrema attenzione di far finire lo sperma negli occhi del partner perché causerai un forte bruciore e rovinerai tutto. Se punti la sua faccia, non puntare i suoi occhi.
    Non a tutte le persone piace ritrovarsi le mani dietro la nuca che spingono la testa contro il pene. Potrebbe essere una cosa molto eccitante, ma devi comprendere se è gradita dal partner. Senza “nullaosta” non lo fare.
    L’igiene, cazzo, l’igiene!
    Te lo devi lavare e devi farlo con cura. Se hai sudato perché magari fai un lavoro fisico e muscolare le cose sono due: o fai sesso mentre sei ancora tutto sudato oppure, se ti fermi e lasci che il sudore si asciughi, devi assolutamente fare un bidet prima di fare sesso e, a maggior ragione, prima che una persona metta il proprio naso tra le tue gambe! Non hai nessuna scusa. Puoi non profumare di lavanda, ma non puoi chiedere – in quest’epoca – una fellatio se non ti lavi da 48 ore. Se puoi, inoltre, accorcia i peli del pube perché sono in genere molto lunghi e finiscono spesso in bocca dove danno alquanto fastidio. Potrebbe anche essere una buona idea quella di rasare con la lametta i peli presenti sull’asta del pene, ma in tal caso abbi cura di tenerli sempre rasati altrimenti potresti creare l’effetto “barba tagliata ieri” che diventa dura, ispida e pungente. Niente di buono.
    Infine, non fare lo stronzo egoista!
    Dopo che sei venuto, non ti mettere a guardare la TV o a giocare a FIFA. Ti è concesso qualche secondo di religioso raccoglimento, ma poi… ehi, devi ringraziare. Il miglior ringraziamento è un cunnilingus, ma magari potrebbero essere gradite anche delle coccole.

    TORNA ALL’INDICE

    Obiettivo: il piacere

    Qualunque sia il mezzo che utilizzi per eseguire una fellatio, l’obiettivo di una fellatio, l’obiettivo del sesso più in generale, dovrebbe essere quello di procurare piacere. Per procurare piacere serve sintonia, sensibilità. Serve comprendere quando accelerare e quando decelerare e serve avere l’umiltà di accettare il fatto che tu non sei l’altra persona, le tue sensibilità non sono le sue, le tue abitudini non sono le sue; devi dedicarti, disporti al servizio. Devi portare rispetto. In breve, devi amare. È questo, in fondo, il segreto di un rapporto sessuale appagante, quel segreto è racchiuso tutto in queste poche righe…

    Facebook
    Twitter
    Pinterest
    LinkedIn

    Iscriviti alla newsletter.
    Per te un codice sconto del 10%

    Articoli popolari

    Cunnilingus! Un mare di piacere

    Usare la lingua per masturbare una donna. È questo il cunnilingus. La donna utilizza la fellatio per procurare piacere all’uomo. L’uomo può ricambiare…

    Le fantasie sessuali

    Le fantasie sessuali fanno parte della sessualità umana e non è sbagliato averle. Parliamone…

    I Sex Toys, questi sconosciuti

    L’uso dei sex toys può offrire una serie di benefici, dai miglioramenti nella salute sessuale all’aumento dell’intimità e della connessione di coppia. Parliamone…

    Non mantengo l’erezione! Aiuto!

    È proprio il caso di dire che… sono cazzi! Eppure non conosciamo uomo di 40 anni a cui non sia capitato almeno una volta. Gestiamo la faccenda con leggerezza…

    Selezione prodotti

    Social Media

    Ultimi articoli

    TROVA LA TUA CATEGORIA
    dildo realistico color carne

    DILDO

    vibratore rotatore rabbit

    VIBRATORI

    LINGERIE

    fetish fantasy chains of love bondage kit

    BONDAGE

    SESSO ANALE

    PRESERVATIVI

    PROFUMI E IGIENE

    OLI E LUBRIFICANTI

    CANDELE E INCENSI

    SEX TOYS PER LUI

    indietro

    CANDELE E INCENSI

    Chi siete?

    Beh, se devi lasciare tuoi soldi a qualcuno, è giusto sapere chi è costui! O no?

    Siamo un team di 3 persone, 2 donne e un uomo, tra i 28 e i 50 anni.

    chiara lucarelli Chiara Lucarelli, 28 anni, è la designer, colei che ha pensato e disegnato l'estetica e l'usabilità di ciò che vedi. Se il sito è tra i più belli e usabili d'Italia è merito suo.

    francesca prencipeFrancesca Prencipe, 42 anni, è la manager, colei senza la quale niente sarebbe stato possibile. La burocrazia è casa sua.

    alessandro stella Alessandro Stella, 50 anni, è un informatico, colui che ha tecnicamente progettato e realizzato in codice e bit tutto quello che vedi.

    Perché dovrei comprare da voi?

    Questa è una domanda essenziale! Una domanda che ha bisogno di una risposta complessa. Noi l'abbiamo scritta. Se la vuoi leggere, clicca su questo link: 
    Sidus, un sexy shop Etico!

     

    Il pacco che ricevo è ANONIMO?

    Si. Assolutamente si e se richiedi ricevuta fiscale o fattura il mittente risulterà StarBrown srls.

    Posso tracciare la spedizione?

    Ovviamente si. Una volta completato e approvato il pagamento, riceverai un codice di tracciamento, tipicamente attivo nelle 24 ore successive alla spedizione.

    In quanto tempo spedite?

    Spediamo entro 24 ore dal pagamento tranne sabato e domenica.

    Tempi di consegna?

    Nella peggiore delle ipotesi il pacco sarà consegnato entro 96 ore dalla spedizione. La domenica la merce non viaggia.

    Se avessi bisogno di parlarvi?

    Tutto abbastanza semplice. 
    Puoi andare nella nostra sezione contatti da dove puoi scriverci un'email, oppure puoi inviarci direttamente un messaggio tramite WhatsApp.

    CERCA IL TUO PRODOTTO

    Utilizza questi potenti filtri per trovare ciò che stai cercando. I filtri saranno applicati appena premerai la crocetta in alto a destra.